Io sono della vecchia scuola.

Io sono della vecchia scuola.

E’ normale, non sono più un giovinastro…

Non è un pregio, è un dato di fatto.

Vengo da un modo di pensare diverso, da un monDo diverso.

Vengo da un vissuto musicale, dove i cantanti facevano la gavetta, cominciavamo a cantare in balere, feste di paese, discoteche di provincia, spesso con impianti di amplificazione molto scarsi, non adatti, ma si usava quello che si poteva. Non c’era l’ autotune, se stonavi non cantavi. Punto

Facevi tanta gavetta e solo se c’ era poi un riscontro del pubblico andavi avanti.

Portavi qualche musicasetta a pseudo-produttori e poi, ma solo poi, potevi ipotizzare di fare un primo disco. Se eri bravo ti entrava in testa  anche l ‘idea che potessi diventare una professionista. Facevi un lp all’ anno e cercavi di raccontare un tuo pensiero, un filo conduttore che negli lp futuri ti avrebbe portato a delineare la tua personalità, a crearti un tuo pubblico. Un percorso disseminato di  inciampi e tranelli, di persone buone ma anche di persone scaltre, e se non eri abbastanza furbo ti sfruttavano e ti buttavano via come una pezza usata.

Questa era la vecchia scuola. Così era per la musica, per tutto, così è anche per i coltelli,.

Quando mi avvicinai al mondo della coltelleria (quasi 15 anni fa), fu la stessa cosa.

Mi informai comprando qualche libro di tecnica, tutti rigorosamente in Inglese. Iniziai a fare qualcosa che potesse avere la parvenza un oggetto tagliente. Ti ispiri a coltellinai famosi e piano piano, per approssimazione crei una tua idea di coltello. Questo sempre nell’ottica di una passione, di un divertimento, e comunque con l’ intento di voler esprimere un proprio concetto o pensiero.

Se poi i coltelli  piacciono non solo a te ma anche ad altri, puoi pensare di venderne qualcuno, solo per recuperare un po’ di spese, per prendere quattro soldi da reinvestire in nuovi materiali o attrezzature.

La cosa è andata avanti, la passione è aumentata, anche le richieste, ed allora provi a pensare più in grande, ti fai fare un sito dove postare le foto dei tuoi lavori. Cominci a fare mostre, a metterti in gioco, a capire se i commenti positivi che ti fanno sui forum ( non c’erano i social) si trasformano anche in volontà di acquistare un tuo pezzo. Piano piano

Ti viene poi voglia di entrare in un mondo più grande. Vai all’ estero, frequenti associazioni, dai esami, ti senti orgoglioso di essere “uno di loro”. Quelli della vecchia guardia facevano così, crescevano un poco alla volta, maturavano poco a poco, avevano consapevolezza che la strada era lunga e in salita e, permettetemi di dire, avevano anche più umiltà.

A distanza di pochi anni tutto è cambiato. I social, la rete che ti permette di accedere ad un mondo di informazioni in tempo zero. La possibilità di contattare tutti e tutto, in una sorta di contaminazione senza più regole, uno sviluppo entropico. Puoi crescere più velocemente, devi  farlo, devi stare al passo di una ruota che gira ad una velocità che non sei più tu a gestire. Devi corrergli dietro a ritmi che non sono i tuoi.

Così non è più importante il “cosa sai fare”, il tuo sapere, la tua esperienza. Oggi è solo importante il “come lo presenti”. L’ immagine è tutto.

L’ immagine ha sopraffatto l’ oggetto reale.

Nascono così coltellinai che in pochi mesi si sentono già al top, hanno migliaia di persone che li seguono, una pagina dedicata. Spesso prima creano la pagina e poi iniziano a fare coltelli ….

Coltellinai che nascono e muoiono come farfalle, a volte non arrivano nemmeno a diventare farfalle… muoiono ancora bruchi. Un mulinello di informazioni , di immagini.

Un imbuto cosmico dove risucchia tutto e tutti.

Io sono della vecchia scuola.

E’ normale, non sono più un giovinastro…

Non è un pregio, è un dato di fatto

Il Compromesso

– Salve, mi piacerebbe farmi fare un coltello. Lo vorrei inox ma che tagli meglio di un carbonioso.

–Mi dispiace, non conosco acciaio che faccia al caso suo.

-Allora che ne pensa di un carbonioso MA che non faccia ossido?

–Eh niente, non conosco nemmeno questo.

-Mmmmm …. peccato. Grazie comunque

Quante volte noi coltellinai abbiamo “subìto” conversazioni di questo tipo?

Quando si avvicina il Natale, mi tornano in mente questi personaggi. Me l’immagino alla fine del pranzo della Festa. Dopo una mega abbuffata, hanno ancora voglia di rompere il cazzo, non si accontentano, non gradiscono il compromesso e con gli occhi avidi li trovi a scrutare la tavola imbandita alla ricerca del PANETTONE SENZA CANDITI; ma quest’ anno il panettone è solo tradizionale. Te lo devi mangiare con tutti gli ingredienti, canditi compresi.

Eh ma loro non accettano il compromesso. Si prodigano così in un  lavoro certosino alla ricerca del povero candito che lestamente verrà scovato, preso tra le dita come una caccola e separato dal resto della fetta, per finire in un angolo del piatto a formare una montagnola colorata.

La montagnola di canditi sarà segno che in quel piatto ha mangiato uno che “non vive il compromesso”

Si perchè il compromesso queste persone non lo accettano, non lo vivono, non si lasciano permeare da esso. Loro non hanno capito che il compromesso è delizia.

Essi vivono in cerca della Loro perfezione. Sono quelle persone che magari gli piace anche la figa, ma se avessero potuto scegliere… sarebbe stata meglio senza buco. Tanto loro il mondo lo guardano, non lo vivono.

La vita è sempre un compromesso. Il panettone è il Compromesso. Lo devi accettare, mangiarlo con tutto quello che c’è dentro. Perchè il compromesso è apertura di idee, è confronto, è la possibilità di vivere un esperienza nuova, diversa, il panettone è innovazione per la mente.

Allora Buon Natale a tutti

e se quest’anno vi portano in tavola un panettone con i canditi,

per una volta provate a mangiarlo così come è,

chiudete gli occhi e provate ad assaporarlo, senza preconcetti,

provate a viverlo,

e non rompete … il cazzo

magari potrebbe anche piacervi … il panettone.

Ho contato i miei anni

Ho contato i miei anni – Mario de Andrade

“Ho contato i miei anni ed ho scoperto che ho meno tempo da vivere da ora in avanti, rispetto a quanto ho vissuto finora…
Mi sento come quel bimbo cui regalano un sacchetto di caramelle: le prime le mangia felice e in fretta, ma, quando si accorge che gliene rimangono poche, comincia a gustarle profondamente.
Non ho tempo per riunioni interminabili, in cui si discutono statuti, leggi, procedimenti e regolamenti interni, sapendo che alla fine non si concluderà nulla.
Non ho tempo per sopportare persone assurde che, oltre che per l’età anagrafica, non sono cresciute per nessun altro aspetto.
Non ho tempo, da perdere per sciocchezze.
Non voglio partecipare a riunioni in cui sfilano solo “Ego” gonfiati.
Ora non sopporto i manipolatori, gli arrivisti, né gli approfittatori.
Mi disturbano gli invidiosi, che cercano di discreditare i più capaci, per appropriarsi del loro talento e dei loro risultati.
Detesto, se ne sono testimone, gli effetti che genera la lotta per un incarico importante.
Le persone non discutono sui contenuti, ma solo sui títoli…
Ho poco tempo per discutere di beni materiali o posizioni sociali.
Amo l’essenziale, perché la mia anima ora ha fretta…
E con così poche caramelle nel sacchetto…
Adesso, così solo, voglio vivere tra gli esseri umani, molto sensibili.
Gente che sappia amare e burlarsi dell’ingenuo e dei suoi errori.
Gente molto sicura di se stessa , che non si vanti dei suoi lussi e delle sue ricchezze.
Gente che non si consideri eletta anzitempo.
Gente che non sfugga alle sue responsabilità.
Gente molto sincera che difenda la dignità umana.
Con gente che desideri solo vivere con onestà e rettitudine.
Perché solo l’essenziale é ciò che fa sì che la vita valga la pena viverla.
Voglio circondarmi di gente che sappia arrivare al cuore delle altre persone …
Gente cui i duri colpi della vita, abbiano insegnato a crescere con dolci carezze nell’anima.
Sí… ho fretta… per vivere con l’intensità che niente più che la maturità ci può dare.
Non intendo sprecare neanche una sola caramella di quelle che ora mi restano nel sacchetto.
Sono sicuro che queste caramelle saranno più squisite di quelle che ho mangiato finora.
Il mio obiettivo, alla fine, é andar via soddisfatto e in pace con i miei cari e con la mia coscienza.
Ti auguro che anche il tuo obiettivo sia lo stesso, perché, in qualche modo, anche tu te ne andrai…

Il cuore

Oggi, un bambino mi ha chiesto: “Ma il cuore sta sempre nello stesso posto, oppure, ogni tanto, si sposta? Va a destra e a sinistra?”.

Io: “No, il cuore resta sempre nello stesso posto. A sinistra .. “

Ed intanto penso…
..Poi, un giorno, crescerai. Ed allora capirai che il cuore vive in mille posti diversi, senza abitare, davvero, nessun luogo.
Ti sale in gola, quando sei emozionato. O precipita nello stomaco, quando hai paura, o sei ferito.
Ci sono volte in cui accellera i suoi battiti, e sembra volerti uscire dal petto. Altre volte, invece, fa cambio col cervello.
Crescendo, imparerai a prendere il tuo cuore per posarlo in altre mani. E, il più delle volte, ti tornerà indietro un po’ ammaccato. Ma tu non preoccupartene. Sarà bello uguale. O, forse, sarà più bello ancora. Questo, però, lo capirai solo dopo molto, molto tempo.
Ci saranno giorni in cui crederai di non averlo più, un cuore. Di averlo perso. E ti affannerai a cercarlo in un ricordo, in un profumo, nello sguardo di un passante, nelle vecchie tasche di un cappotto malandato.
Poi, ci sarà un altro giorno….. Un giorno un po’ diverso….. Un po’ speciale….. Un po’ importante…. Quel giorno, capirai che non tutti hanno un cuore.

https://www.facebook.com/daniele.dalcanto.3?fref=nf&pnref=story

Il Principio della rana Bollita

Il Principio della rana Bollita

Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota tranquillamente una rana.
Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano.
Presto diventa tiepida.
La rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare.
La temperatura sale.
Adesso l’acqua è calda.
Un po’ più di quanto la rana non apprezzi.
Si stanca un po’, tuttavia non si spaventa.
L’acqua adesso è davvero troppo calda.
La rana la trova molto sgradevole, ma si è indebolita, non ha la forza di reagire.
Allora sopporta e non fa nulla.
Intanto la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana finisce -semplicemente – morta bollita.
Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° avrebbe dato un forte colpo di zampa, sarebbe balzata subito fuori dal pentolone.
Questa esperienza mostra che, quando un cambiamento si effettua in maniera sufficientemente lenta, sfugge alla coscienza e non suscita, per la maggior parte del tempo, nessuna reazione, nessuna opposizione, nessuna rivolta.
Se guardiamo ciò che succede nella nostra società da alcuni decenni, ci accorgiamo che stiamo subendo una lenta deriva alla quale ci abituiamo.
Un sacco di cose, che ci avrebbero fatto orrore 20, 30 o 40 anni fa, a poco a poco sono diventate banali, edulcorate e, oggi, ci disturbano solo leggermente o lasciano decisamente indifferenti la gran parte delle persone.
In nome del progresso e della scienza, i peggiori attentati alle libertà individuali, alla dignità della persona, all’integrità della natura, alla bellezza ed alla felicità di vivere, si effettuano lentamente ed inesorabilmente con la complicità costante delle vittime, ignoranti o sprovvedute.
I foschi presagi annunciati per il futuro, anziché suscitare delle reazioni e delle misure preventive, non fanno altro che preparare psicologicamente il popolo ad accettare le condizioni di vita decadenti, perfino drammatiche.
Il permanente ingozzamento di informazioni da parte dei media satura i cervelli che non riescono più a discernere, a pensare con la loro testa.
Allora se non siete come la rana, già mezzi bolliti, date il colpo di zampa salutare, prima che sia troppo tardi!

Noam Chomsky

Il telefono

Quando ero bambino io, il telefono era un lusso.

Non tutte le famiglie ne avevano uno e comunque ogni famiglia al massimo … uno ne aveva.

Oggi è diverso,il telefono non è più un oggetto della famiglia, oggi il telefono è diventato personale.

Quando ero bambino io, il telefono era un lusso…. a volte era bloccato da un lucchetto e si poteva solo ricevere. Per fare una telefonata, una comunicazione si doveva avere motivi reali. Telefonavi se avevi qualcosa da dire, qualcosa di importante.

Chiamavi dopo un lungo viaggio per dire che eri arrivato:

“Ciao, tutto bene siamo arrivati in campeggio, ci sentiamo la prossima settimana. Ciao” e buttavi giù.

Chiamavi per avvisare i parenti di un lutto:

“Ciao zia Rosina, ti chiamo per dirti che nonno ci ha lasciato…”

appena la zia tra pianti e preghiere cominciava a ricordare la vita del povero nonno, tu subito la fermavi:

“Zia Rosina, devo avvisare anche gli altri parenti, per cortesia dillo tu a Giovanna e Renzo che stanno vicino a te e non hanno il telefono. Ciao ciao.”

 

Il telefono nasceva dall’ evoluzione del telegramma e quindi lo stile restava di tipo “telegrafico”, un pò per lo stile intrinseco ma soprattutto perchè le telefonate costavano e di soldi ce ne erano pochi.

Solo Vip e Signori potevano permettersi di chiacchierare (oggi chattare) al telefono.

Oggi è cambiato, non esiste più la magia della cornetta, la magia di una voce amica, conosciuta, che ti arriva in tempo reale dall’ interno di quello strano congegno. Oggi è diverso, non esiste più neppure la cornetta.

Nell’ evoluzione del telefono oggi con questo strano congegno non si parla più nemmeno oggi ci si scrive… ci si uozzappa ….

Il miracolo che ci aveva dato il vecchio telefono di ascoltare la voce in tempo reale si è nuovamente perso. Siamo regrediti e tornati a scriversi ma per esigenze diverse.

Lo scriverci oggi è un esigenza di egoismo. L’ egoismo che predomina in ognuno di noi e per il quale non abbiamo più tempo di dedicare tempo ad un amico quando ce lo chiede, oggi il tempo egoisticamente lo dedichiamo quando vogliamo noi. “Ora non posso, ti faccio sapere, ci sentiamo dopo…”

 

Per me che sono nato in quel periodo dove il telefono era un vero mezzo di comunicazione non riuscirò mai allo squillo di un parente o di un amico rispondere:

Ti chiamo dopo” senza aver prima chiesto il motivo della telefonata, senza prima aver detto” Che è successo?”     Perchè se uno mi telefona un qualcosa da dire lo deve avere …

Così è per me, se faccio una telefonata, un motivo evidentemente ce l’ ho, non sarà questione di vita o di morte, ma cavolo, uno straccio di motivo ci sarà, una necessità di comunicare un qualcosa …

E se il motivo fosse veramente importante?

Se fosse davvero questione di vita o di morte?

Se mi trovassi solo, agonizzante a terra con un infarto in atto?

Che faccio? Chiamo il 118 o provo a sentire per l’ ultima volta la voce dei miei cari?

Deciso! Chiamo le mie figlie.

Nessuna mi risponde ma subito dopo la chiamata mi arriva di risposta il suono del messaggio:

” Babbo ora non posso ti chiamo dopo”

Allora chiamo mia moglie. Il telefono suona a lungo ma non ho nessuna risposta. Resta solo il dubbio se se lo sia dimenticato al lavoro, in macchina o alla cassa della coop. Poi capisco: è lunedì e probabilmente il telefono è ancora in modalità silenziosa dal giorno prima, da quando è andata a messa.

Beh, che fare, mi sono giocato male le mie carte, forse era meglio chiamare il 118, ma ormai è tardi, mi resta solo il tempo di mandare un messaggio

Gruppo -Famiglia – scrivo al volo con le ultime forze – Invio

Ai miei famigliari non resterà la voce dei miei ultimi momenti ma solo un messaggio su Whatsapp

“Ma andate in culo, cosa lo tenete a fare il telefonino se tanto non rispondete mai! E ora fatevi lo screenshot da far vedere al funerale vai …. Un abbraccio il vostro caro”

Il Maestro

Mio nonno nacque nel 1912

Di suo padre solo un vago ricordo. Aveva 3 anni, lo accompagnò al treno quando nel ’15 partì per la guerra. Mio nonno raccontava di ricordarsi di quel momento  solo di una sensazione di disagio e di sua madre che piangeva. Da quella guerra, suo padre non tornò mai più.

Vivevano in un piccolo agglomerato rurale nell’interno dell’ appennino tosco emiliano (5 case di contadini) lontani almeno 15 km dal primo piccolo paesino.

Per una donna sola e senza lavoro è dura tirare avanti, poteva forse decidere di risposarsi e farsi mantenere da qualche scapolone, ma non fece così, preferì con dignità tirare avanti come poteva;

una piccola stanza prestata dai contadini del posto e per mangiare si affidava ai regali dei vicini.

Tutto il resto era superfluo.

Mio nonno crebbe così tra stenti e povertà. La mattina all’ alba quando i contadini partivano per il lavoro nei campi, la mia bisnonna svegliava mio nonno perché riteneva giusto che anche se non avevano un lavoro, dovevano fare vedere ai vicini che non erano dei vagabondi; un senso di rispetto nei confronti di coloro che potevano e dovevano lavorare.

Appena mio nonno fu in età scolare, venne mandato in un seminario un po’ per studiare ed un po’ perché era l’ unico modo che gli garantisse un pasto ed un letto per dormire.

Mi raccontava di quando la mattina per lavarsi il viso, nell’ inverno spesso doveva spaccare la crosta di ghiaccio,,,,, aveva alcune parti dei lobi delle orecchie mancanti, persi proprio per i geloni dal freddo.

Mio nonno crebbe e divenne Maestro.

Ritornò in quei posti sperduti della sua infanzia e cominciò ad insegnare.

Piccole classi, pluriclassi, dove i bambini accedevano quando potevano, quando non dovevano lavorare nei campi.

Il Maestro non aveva un programma ministeriale, doveva solo cercare di ridurre l’ analfabetismo di quei posti.

Per l’ Italia quelli erano periodi duri: molti erano emigrati, i più fortunati in Europa, tanti in America e Australia.

Mio nonno spesso si vedeva arrivare a casa umili contadini che gli chiedevano di leggergli le lettere che arrivavano dai loro parenti emigrati, che gli chiedevano di scrivere due righe di risposta.

Non ha mai chiesto una lira in cambio, conscio dei tanti aiuti ricevuti nella sua difficile infanzia.

Spesso per contraccambiare i contadini gli regalavano due uova, un coniglio, insomma quello scambio etico dove ognuno ringrazia donando qualcosa che l’ altro non ha.

I tempi passano ed il Maestro era conosciuto e stimato da tutto quell’ ambiente rurale.

Il Maestro in questi posti fa anche un po’ da psicologo per i ragazzi che crescono. Il Maestro ed il prete erano gli psicologi dei poveri

Nel 1962 si compra la sua prima automobile, così la mattina presto il Maestro va a scuola, accende la stufa e poi con la macchina fa il giro delle campagne per prendere i bambini più lontani, poi li porta a scuola, e dopo la lezione spazza e sistema la classe, mentre i bambini fuori lo aspettano e giocano, Poi li rimette in macchina e li riporta alle loro case.

Il Maestro è una persona buona, stimato e rispettato da tutti.

I tempi cambiano, cominciano a nascere i servizi pullman per i ragazzi che devono frequentare la scuola, nelle scuole ci sono i bidelli per pulire le classi, e gli anni passano.

Mio nonno va in pensione, ma continua a vivere nell’ interno di quell’ appennino fino alla fine dei suoi giorni.

Sono passati ormai molti anni,ma ancora oggi quando passo da quei posti, qualcuno dei vecchi mi apostrofa come “il nipote del Maestro”.

Mio nonno era il Maestro

Mio nonno si chiamava Dante